Cos’è l’Email Marketing? La Guida per Aumentare le Vendite con le Email

Che cosa è l'Email Marketing

Hai realizzato un sito web nuovo e ben ottimizzato, hai studiato dei contenuti per rispondere alle esigenze dei tuoi utenti e probabilmente hai anche attivato un blog sul quale pubblichi regolarmente articoli interessanti per il tuo target ma non hai ancora raggiunto il livello di conversioni che vorresti.

Non ti preoccupare, tutto quello che hai fatto fino ad ora non è sbagliato, anzi!

Il fatto è che molto spesso ci si concentra troppo sulla struttura del proprio sito web e dei propri contenuti per poi ottenere ottimi risultati in termini di visibilità sui motori di ricerca e di traffico generato ma pochissime conversioni.

Il motivo?

Potrebbe essere che non stai catturando l’indirizzo email dei tuoi visitatori (o che non sai come sfruttarlo correttamente) in modo da poterli contattare in futuro.

Se vuoi trasformare quelli che fino ad oggi sono stati semplici visitatori del tuo sito web in clienti, l’email marketing ti può aiutare più di quanto immagini.

Molte persone pensano che l’email marketing (o meglio, l’email come canale di comunicazione) sia ormai vecchio e obsoleto.

Sbagliato!

Anche se ormai ogni giorno siamo sommersi da centinaia di email, l’email marketing è ad oggi considerato uno dei canali con il miglior ROI in assoluto!

Se non sei ancora convinto ti consiglio di continuare a leggere…

Ho deciso di scrivere questo articolo sull’email marketing così che tu possa capirne il potenziale e soprattutto imparare a pianificare e gestire una strategia di email marketing per la tua attività che ti aiuterà a trasformare i visitatori del tuo sito e gli iscritti alla tua newsletter in clienti.

Sei pronto? Iniziamo!

Bonus Download
Scarica qui l’infografica Gratuita in formato PDF con i 10 Email Marketing “Do’s & Don’ts” per la tua strategia.

Che cosa è l’Email Marketing?

Che cosa è l'email marketing?

La definizione di email marketing più corretta, potrebbe essere questa:

L’email marketing è una disciplina che sfrutta l’uso dell’email per sviluppare relazioni personali e durature con potenziali clienti al fine di migliorare le performance di una attività (acquisti, clienti di ritorno, grado di soddisfazione, fidelizzazione, ecc).

Ora probabilmente ti starai chiedendo: “Fare email marketing vuol dire inviare una newsletter al mese ai miei contatti?”

Assolutamente no!

Quali sono i vantaggi dell’Email Marketing?

L’email marketing ti consente di costruire relazioni profonde e di valore con i tuoi utenti migliorando così tutta una serie di KPI di Marketing Digitale importanti per la tua azienda (oltre che ad essere una delle attività a più alto ROI).

Se non sei ancora convinto che fare email marketing è probabilmente la scelta giusta per la tua azienda, ecco allora una lista dei principali vantaggi che rendono questa disciplina così particolare ed efficace:

L’Email Marketing è estremamente personalizzabile

Dall’inserimento dinamico dell’esatto nome di un utente all’interno del corpo di una mail fino all’orario in cui desideri che il tuo messaggio venga spedito.

Grazie alla vasta gamma di strumenti e software di email marketing disponibili oggi, personalizzare i messaggi che intendi inviare ai tuoi utenti è diventato semplicissimo e ti permette di andare incontro alle esigenze di ognuno di loro facendoli sentire speciali e importanti.

Con l’Email Marketing puoi segmentare i tuoi utenti

Analizzando il comportamento dei tuoi utenti ed il modo in cui interagiscono con le tue comunicazioni, puoi creare gruppi di utenti accomunati da specifiche caratteristiche.

Dati demografici, geografici e comportamentali (acquisti precedenti, pagine viste, form compilati, ecc) sono solo alcuni esempi delle informazioni che puoi utilizzare per segmentare i tuoi contatti e inviare quindi messaggi più pertinenti ed efficaci.

Email Marketing è sinonimo di automazione

Così come per la possibilità di personalizzare i tuoi messaggi, la maggior parte degli strumenti di email marketing disponibili sul mercato ti consente anche di automatizzare gran parte delle attività legate all’invio di mail ai tuoi utenti. Puoi quindi decidere di inviare automaticamente messaggi quando si verificano specifiche condizioni oppure compiere azioni sui contatti del database in maniera del tutto automatizzata.

L’Email Marketing è facilmente misurabile e tracciabile

Se guidi una attività, sai benissimo l’importanza di prendere decisioni basate su dati oggettivi piuttosto che su “sentimenti personali”. Qual è il tasso di apertura delle tue email? E quello di click sulle CTA? Quanti utenti acquistano o ti contattano dopo aver ricevuto una mail in particolare?

Utilizzando un software di email marketing avrai sempre a disposizione queste ed altre informazioni così da poter analizzare i risultati dei tuoi sforzi e individuare i messaggi con le performance migliori.

L’Email Marketing rende il tuo messaggio facilmente condivisibile

Un click. Ecco quanto basta ad un utente che riceve una tua email per condividere il messaggio contenuto al suo interno. Anche se può sembrare banale, la semplicità con cui un tuo contatto può condividere con un suo amico le informazioni contenute all’interno di una mail che gli hai inviato, ti permettono di diffondere il tuo messaggio molto velocemente e in modo completamente gratuito.

Se consideri questi vantaggi, sarai d’accordo con me se dico che fare email marketing all’interno della tua azienda potrebbe essere davvero la scelta giusta.

A questo punto però, è necessario anche che tu conosca i requisiti che dovresti avere per gestire con successo una strategia di email marketing evitando di perdere tempo senza ottenere risultati.

Requisiti per una buona strategia di Email Marketing

Requisiti per una Strategia di email marketing

Dalle mie conversazioni con alcuni professionisti di diversi settori, ho imparato che capire come iniziare da zero a sviluppare una strategia di email marketing è spesso molto difficile.

In effetti, prima di pensare al tipo di risultati che potresti ottenere da questa attività, dovresti sapere di cosa hai bisogno per pianificare una strategia di email marketing ben organizzata ed efficace.

Ecco quindi i requisiti più importanti che dovrai rispettare.

Individua una piattaforma di Email Marketing

Come ho già detto, fare email marketing non significa semplicemente inviare email promozionali alle persone sperando che queste acquistino. Fare email marketing significa comunicare con i tuoi utenti nel modo più umano, personalizzato, facile ed automatizzato possibile.

Detto questo, utilizzare un foglio Excel come database per gli indirizzi email dei tuoi utenti ed avvalersi di Outlook per inviare una mail con tutti i contatti in CCN non è di certo la scelta migliore da prendere…

Per fare email marketing, hai bisogno di qualcosa di molto più efficiente.

Se stai valutando quale è la piattaforma di email marketing più adatta alle tue esigenze, ricordati di considerare sempre questi aspetti:

Integrazione

Ti piacerebbe dover aggiornare manualmente giorno per giorno il tuo database di email così che la tua lista sia sempre aggiornata?

Scegliere una piattaforma di email marketing che si integri perfettamente con il tuo CRM (o direttamente con il tuo sito web, dove potresti raccogliere nuovi indirizzi email) ti consente di aggiornare in automatico e senza problemi tutte le informazioni relative ai tuoi contatti così da doverti preoccupare solo di come migliorare la tua relazione con loro.

Personalizzazione

Più un messaggio di marketing è personalizzato per le specifiche esigenze di un contatto, più questo sarà efficace. Quando scegli una piattaforma di email marketing, assicurati che preveda la possibilità di modificare la tua comunicazione in maniera automatica in base alle informazioni che hai raccolto su ogni singolo contatto.

Cosa intendo? Ad esempio, la possibilità di inserire dinamicamente un nome o di inviare un messaggio specifico sulla base della pagina del sito visitata, di un’attività precedentemente compiuta o di come ha interagito con i tuoi messaggi in passato.

Volumi

Quanti contatti email contiene il tuo database? Decine, centinaia o migliaia? Avere un’idea dei volumi di invio che dovrai sostenere ti consente di scegliere uno strumento più sofisticato e performante piuttosto che uno più semplice ed immediato.

Tante piattaforme disponibili online infatti, sono studiate per gestire al meglio database di piccole dimensioni, mentre altre sono veri e propri CRM studiati per ottimizzare tutte le attività legate al mondo dell’Email Marketing (reportistica avanzata, creazione di ticket di supporto per i clienti, ecc).

Costruisci un database di Leads

So che sembra scontato, ma ti garantisco che molte aziende spesso scelgono software super performanti, costruiscono template bellissimi e definiscono piani editoriali dettagliati senza però prevedere nessuna strategia per acquisire nuovi indirizzi email per la loro strategia di email marketing.

Esistono davvero molti modi per costruire una lista di contatti interessanti a cui vendere i propri servizi e prodotti, alcuni di questi possono essere:

  • Rendere disponibili contenuti / materiali di valore solo se l’utente ti fornisce la sua email
  • Offrire buoni sconto riservati agli utenti iscritti al tuo database
  • Inserire pop-up di iscrizione all’interno delle tue pagine e dei tuoi articoli
  • Lanciare delle competizioni per ottenere indirizzi email in cambio della possibilità di vincere un premio

Definisci un piano editoriale

Come ogni altro aspetto relativo al mondo del web, la tua strategia di email marketing, per avere successo, deve essere accuratamente pianificata su base periodica.

Che cosa intendo dire?

Devi riuscire a definire un piano editoriale a medio lungo termine con tutti gli argomenti più interessanti e di valore che intendi sottoporre ai tuoi contatti e le relative date di invio previste.

Un piano editoriale ti permetterà di automatizzare gli invii per un lungo periodo di tempo (evitandoti la preoccupazione di aver dimenticato un invio) e soprattutto di non doverti preoccupare di trovare di volta in volta nuovi argomenti interessanti per gli utenti (rischiando di cadere nel banale).

Investi tempo e risorse

Fino ad ora ti ho detto che la maggior parte delle attività dell’email marketing possono essere automatizzate e quindi non richiedono il tuo intervento. Non preoccuparti, non ti ho mentito!

Quello che devi sapere però è che nessuna strategia di email marketing può avere davvero successo senza un’attenzione costante alle performance che questa sta avendo.

Pianificare i contenuti e gli invii, monitorare le performance, selezionare i contatti “più caldi” da passare ai tuoi commerciali… Anche se quasi tutti i software possono aiutarti in queste attività, ricorda che la decisione finale sta a te e alla tua conoscenza dei clienti!

Se sei sempre più convinto che l’email marketing possa rappresentare una grande opportunità per la tua azienda e sei pronto a “sporcarti le mani” (oppure a delegare il lavoro di setup ed ottimizzazione a dei professionisti), allora è arrivato il momento di capire come fare email marketing nel modo giusto.

Come fare Email Marketing nel modo corretto

Come fare email marketing nel modo corretto

Se stai leggendo questo capitolo in particolare, presumo che tu sia alla ricerca di spunti pratici ed interessanti per capire come iniziare a fare email marketing nel modo più corretto.

Nei prossimi paragrafi intatti, ti darò alcuni consigli molto pratici su come ottimizzare la tua strategia di email marketing per farla rendere a meglio (alla fine di questo capitolo potrai anche scaricare gratuitamente un’infografica con i 10 Email Marketing “Do’s & Don’ts” per la tua strategia di email marketing 😉).

Step 1: Definisci gli obiettivi della tua strategia di Email Marketing

La prima cosa che dovresti fare quando pianifichi la tua strategia di email marketing è individuare l’obiettivo che intendi raggiungere con ognuna delle tue email.

Per esempio, potresti decidere di voler sfruttare l’email marketing per riportare gli utenti sul tuo sito web o per vendere direttamente più prodotti e servizi oppure ancora per far conoscere a quante più persone possibile il tuo brand.

In base alle esigenze della tua azienda, dovrai infatti pensare a particolari campagne da sviluppare per la tua strategia di email marketing.

Vediamo alcuni esempi di campagne che posso aiutarti a raggiungere obiettivi diversi.

Aumentare il traffico

Ti è mai capitato di ricevere email da un blog al quale sei iscritto che ti propongono “I migliori contenuti di questa settimana”?

Questo approccio viene solitamente utilizzato da siti web che si basano principalmente sui profitti derivanti dalle entrate pubblicitarie (banner, link affiliati, ecc) o da qualsiasi sito che vuole spingere i propri utenti ad interagire con i contenuti che produce.

Se anche tu fai parte di questo gruppo, una strategia ottimizzata per questo obiettivo, è un ottimo modo per aumentare i volumi di traffico del tuo sito web.

Presentare un’offerta

Questo obiettivo, è solitamente quello preferito dagli e-commerce. Infatti, gli utenti che si iscrivono alla mailing list di uno shop online, lo fanno perché sono interessati a ricevere sconti ed offerte speciali.

Sfruttare mail di questo tipo rappresenta un grande vantaggio sia per l’azienda che per il cliente: tu aumenterai il numero di prodotti venduti mentre il cliente si sentirà parte di una sorta di “club esclusivo” al quale sono riservati sconti ed offerte speciali “in anteprima”.

Migliorare l’awareness

La tua azienda ha ricevuto premi o certificazioni particolarmente ambite? Hai ottenuto un gran numero di feedback positivi o i giornali parlano di te? Questi ed altri elementi di “social proof” sono fondamentali all’interno di una strategia di email marketing di un’azienda che intende migliorare la propria reputazione tra i suoi utenti e followers.

Ricordati di prevedere comunicazioni di questo tipo, grazie alle quali i tuoi iscritti potranno percepire un senso di appartenenza verso un brand importante e riconosciuto come il tuo!

Aumentare la retention

Vendi un servizio in abbonamento? Oppure sviluppi software? Se il tuo prodotto o servizio è oggetto di aggiornamenti costanti, un ottimo modo per aumentare il livello di fidelizzazione dei tuoi clienti è quello di annunciarli via email.

Potresti per esempio prevedere una serie di email all’interno della tua strategia di email marketing dove annunci le features più appezzate dell’ultimo aggiornamento o dove chiedi un feedback agli utenti con l’obiettivo di migliorare il tuo servizio.

In questo modo dimostrerai di avere a cuore la soddisfazione dei clienti che hanno già acquistato il tuo prodotto o servizio, che potrebbero quindi decidere, per esempio, di fare un upgrade del loro servizio attuale.

Migliorare il tasso di conversione

Se il tuo sito aziendale / e-commerce dispone di tutti gli strumenti necessari per monitorare il comportamento degli utenti, allora la tua strategia di email marketing potrà aiutarti a migliorare i tuoi tassi di conversione.

Come?

Prevedendo email specifiche da inviare agli utenti che hanno effettuato particolari azioni sul tuo sito. Ad esempio, email sui carrelli abbandonati o proposte commerciali personalizzate a chi ha visitato una specifica pagina servizio.

Questa e tante altre email basate sulle azioni che gli utenti hanno compiuto, sono un ottimo modo per aumentare i tuoi tassi di conversione a costo zero!

Step 2: Produci contenuti di valore per l’Email Marketing

Quando si parla di email marketing, è inevitabile parlare anche di valore erogato/percepito e purtroppo molto spesso questo concetto viene sottovalutato o non viene compreso a pieno.

Lascia che ti faccia un esempio che riguarda addirittura la fase precedente a quella dell’invio di mail al tuo database:

Perché un utente dovrebbe lasciarti le proprie informazioni di contatto? Che cosa hai di così tanto importante da dire/fornire per convincerlo?

Credimi, per l’utente medio (che ormai considera la parola “newsletter” come sinonimo di “casella mail piena di spazzatura”) le informazioni personali di contatto sono diventate qualcosa di prezioso, che va protetto e concesso a pochi.

Ecco perché devi assolutamente lavorare sulla produzione di contenuti di altissimo valore per gli utenti che non solo li convinceranno a lasciarti il loro indirizzo email, ma che ti permettano di mantenerli a lungo all’interno del tuo database e, magari, di trasformarli addirittura in clienti.

Sconti, ebook gratuiti, analisi di mercato, materiali esclusivi dedicati agli iscritti, email periodiche con consigli o aggiornamenti riguardanti il tuo settore… questi sono tutti ottimi esempi di contenuti di valore che potresti sviluppare ed offrire ai tuoi contatti per mantenerli fedeli nel tempo.

Step 3: Sfrutta la potenza dei software di Email Marketing

Anche se abbiamo già affrontato questa tematica, penso che sia davvero fondamentale che tu comprenda davvero l’importanza dello sfruttare tutte le automazioni che l’email marketing ti mette a disposizione.

Non avrebbe molto senso passare ore e ore a scrivere email individuali per ognuno ad ognuno dei tuoi clienti, giusto?

Una mail di benvenuto automatica, una richiesta di feedback dopo 10 giorni dall’acquisto di un prodotto, un invito a completare una specifica azione dopo l’abbandono di una pagina del tuo sito…

Sfruttare la potenza delle automazioni offerte dai principali software di email marketing ti permetterà di interagire con i tuoi clienti con il messaggio giusto e nel momento giusto, aumentando così il loro valore percepito nei tuoi confronti.

Step 4: Non dimenticare mai le attività di Lead Nurturing

Credo che davvero in pochi conoscano il vero significato del termine “Lead Nurturing”.

Si tratta di tutte quelle attività il cui obiettivo è sviluppare relazioni con i propri lead in ogni fase del funnel di vendita e del buyer’s journey. Per riuscire a raggiungere questo obiettivo, devi riuscire ad ascoltare i bisogni dei tuoi utenti e, di conseguenza, devi fornire le informazioni che stanno cercando.

La tua intera strategia di email marketing deve essere basata proprio su questo concetto.

Se riuscirai a costruire un rapporto di fiducia reciproca fra te ed i tuoi utenti, loro sapranno già a chi rivolgersi qualora dovessero avere bisogno di aiuto per risolvere un problema.

Analizza il loro bisogno informativo, ascolta i loro dubbi e offrigli risposte, aiutali a fidarsi di te e capire che la tua soluzione è esattamente quello che stanno cercando!

Ecco la tua risorsa bonus!
Scarica qui l’infografica Gratuita in formato PDF con i 10 Email Marketing “Do’s & Don’ts” per la tua strategia.

Come scrivere delle buone Email?

Come scrivere delle buone email per l'email marketing

“Come posso scrivere delle buone email da includere nella mia strategia di email marketing?”

Ho sentito questa domanda (e me lo so chiesto anche io) centinaia di volte. In realtà, anche se online si trovato tantissimi template “pronti all’uso”, nessuno meglio di te potrà aiutarti a capire cosa e come scrivere per riuscire a suscitare l’interesse dei tuoi clienti.

Quello che può aiutarti, invece, è sicuramente sapere che esistono diversi elementi all’interno di una singola email che, se ottimizzati correttamente, sono il contorno perfetto ai tuoi contenuti e possono aiutarti ad ottenere ottimi risultati in termine di interazioni.

Ecco alcuni dei consigli che posso darti per ottimizzare al meglio alcuni di questi elementi:

Attira l’attenzione con oggetti accattivanti

L’oggetto di una email è fondamentale quando si parla di email marketing. Questo piccolo elemento da solo può far aprire e leggere la tua email oppure farla finire direttamente nel cestino.

Ricorda che una persona aprirà una tua email se già dall’oggetto sarà in grado di capire che potrà trarne un reale beneficio. Cerca quindi di utilizzare gli oggetti delle tue email per comunicare chiaramente il valore che l’utente troverà all’interno.

Personalizza l’anteprima del messaggio

“Clicca qui per visualizzare la versione online”… Quante delle email che ricevi hanno questa scritta accanto all’oggetto?

Beh, sappi che quel testo si chiama Preview Text o Preheader ed è personalizzabile.

Perché sprecare un’ulteriore opportunità per spiegare all’utente i motivi per cui dovrebbe aprire quella email lasciando che quel testo sia generato automaticamente?

Ormai tutte le caselle email moderne supportano la visualizzazione di questo testo aggiuntivo quindi, così come per l’oggetto, cerca di personalizzarlo e di includere ulteriori informazioni utili per l’utente.

Scrivi testi “a misura di utente”

Sono sicuro che ti sarà capitato almeno una volta di leggere un articolo o un blog post online senza titoli, paragrafi e grassetti inseriti adeguatamente. Il risultato? Tanta confusione!

Per facilitare la scansione del testo da parte degli utenti, rendendo così le tue email più facili e piacevoli da leggere, ricordati di seguire sempre una struttura logica, utilizzare dei paragrafi corti, ed inserire titoli e grassetti dove necessario così da dividere in maniera chiara i vari concetti fra di loro.

Sfrutta la psicologia

In qualità di esseri umani, i nostri cervelli sono programmati per reagire in modi prevedibili di fronte a determinati stimoli. Ecco perché l’uso della psicologia all’interno delle tue attività di email marketing può aiutarti a migliorare le performance di ogni tua singola email.

Come? Sfruttando alcune tecniche che convincano gli utenti a cliccare e leggere i tuoi messaggi:

  • Paura di perdere qualcosa
    Non vogliamo mai perderci un’occasione, vero? Ecco perché, per esempio, gli sconti a tempo limitato funzionano così bene. Sfrutta i principi di scarsità e di urgenza all’interno delle tue email per aumentare il numero di persone che vorranno scoprire di cosa si tratta.
  • Social Proof
    Loghi, testimonianze, recensioni, apparizioni su testate giornalistiche… Chi ha detto che questi elementi possano essere usati solamente su un sito web o su una landing page? Includerli all’interno di specifiche email (magari in cui presenti un prodotto o un servizio) aumenta la fiducia degli utenti nei confronti della tua offerta e può far aumentare il numero di persone che decideranno di approfondirla.

Includi sempre dei benefici reali e personalizzati

Abbiamo già detto più volte che una strategia di email marketing di successo dovrebbe assolutamente basarsi sul principio della personalizzazione. Questo elemento, abbinato a delle email “benefit-driven”, ti aiuterà a migliorare le performance di tutte le tue campagne.

Quello che voglio dire è che, se conosci bene i tuoi utenti e se hai un database email ben segmentato, puoi personalizzare le tue email parlando specificamente dei benefici che un particolare gruppo di utenti può ottenere leggendo quella email / cliccando sul pulsante al suo interno.

Prendi spunto!

Prendere spunto per le email della tua strategia di email marketing

Se sei a corto di idee per il design o i contenuti delle email da inserire all’interno della tua strategia di email marketing, puoi prendere spunto da chi già utilizza testi e template belli e performanti.

Per evitare di doverti iscrivere a centinaia di newsletter diverse, ti consiglio di visitare Really Good Emails, un sito web che raccoglie e suddivide per categoria e tipologia migliaia di template email davvero molto belli e curati dai quali prendere esempio per le tue campagne.

Anche se nessuno ha ancora inventato la “ricetta per l’email perfetta”, se seguirai questi consigli ogni volta che dovrai pianificare e produrre nuovi contenuti per la tua strategia di email marketing, ti assicuro che riuscirai a valorizzare di molto il tuo messaggio, guadagnando allo stesso tempo l’attenzione, la stima e la fiducia dei tuoi utenti.

Come misurare le performance dell’Email Marketing?

Come misurare le Performance nell'email marketing

Al giorno d’oggi tutte le attività di marketing sono sempre più guidate dall’analisi e dall’interpretazione di dati oggettivi e, per questo motivo, sapere come misurare e monitorare le performance di queste attività è fondamentale se vuoi davvero ottenere il massimo dalla tua attività online.

Sotto questo punto di vista, l’email marketing ha l’enorme vantaggio, rispetto ad altri canali, di essere perfettamente tracciabile sotto ogni aspetto. Quante persone ricevono e aprono i tuoi messaggi? Quante cliccano sulle CTA? Tutti questi dati sono sempre a tua disposizione!

Prima di iniziare a parlare dei principali KPI di email marketing che dovresti sempre monitorare, devi sapere che queste metriche si dividono in due principali categorie:

KPI di Email Marketing On-Mail
Ovvero quelli che si riferiscono esclusivamente all’interazione dell’utente con il messaggio stesso. Queste metriche sono quasi sempre tracciabili direttamente dalla piattaforma di email marketing che utilizzi, che le rende automaticamente disponibili e facili da consultare. Questa categoria include per esempio il numero di email spedite, le aperture, i clic, le disiscrizioni, ecc.

KPI di Email Marketing Off-Mail
Questa tipologia racchiude i dati sulle azioni e gli obiettivi compiute dai tuoi utenti dopo aver letto ed interagito con la tua email. Immagina per esempio al volume di traffico generato al tuo e-commerce da una specifica email che aveva un link ad una categoria di prodotti, oppure agli acquisti generati da una singola email che proponeva l’acquisto di un prodotto con un codice sconto, ecco, questi sono esempi di KPI “Off-Mail”.

KPI di Email Marketing On-Mail

Ecco una lista dei principali KPI di Email Marketing On-Mail:

Open Rate

Il tasso di apertura (Open Rate) indica il numero di email aperte rispetto al numero totale di email consegnate (o inviate, solitamente questi due valori dovrebbero coincidere se la tua lista contatti è aggiornata e “pulita”). Più questa percentuale è alta, più i tuoi utenti hanno dimostrato interesse verso uno specifico messaggio e hanno quindi deciso di aprirlo per approfondirne il contenuto. Non esiste una media di riferimento ufficiale, diciamo però che un buon tasso di aperture dovrebbe aggirarsi attorno al 20% (minimo) per ogni singolo invio.

Come calcolarle questo KPI?
(Numero di email (uniche) aperte / Numero di email inviate) * 100

Click-Through Rate

Questo KPI rappresenta il numero di clik sui link contenuti all’interno delle tue email. Se un buon tasso di apertura è sinonimo di un buon oggetto, questa metrica invece è sinonimo di contenuti di valore e CTA chiare ed “invitanti”, gli utenti infatti, decideranno di cliccare sulla tua CTA per vedere il dettaglio di un prodotto, approfondire un’offerta o leggere un blog post solo se il testo della tua email li ha convinto che quella è la “scelta giusta”.

Come calcolarle questo KPI?
(Click effettuati sulla CTA / Numero di email consegnate) * 100

Bounce Rate

La frequenza di rimbalzo è la percentuale di indirizzi email che hanno restituito un errore come risposta al tuo tentativo di inviare loro una email. Gli errori possono essere permanenti (hard bounces) o provvisori (soft bounces). La prima tipologia rappresenta indirizzi email inesistenti o non validi, ai quali le tue email non verranno mai consegnate, la seconda invece, include caselle di posta piene o momentaneamente non raggiungibili.

Monitorare questo KPI (e tenerlo sotto controllo) è fondamentale se vuoi che le tue attività di email marketing abbiano successo.

Oltre che a garantirti di avere un database quanto più pulito possibile, il tasso di rimbalzo è uno degli elementi chiave utilizzati dai provider di servizi Internet per determinare la reputazione del mittente (ovvero tu): un tasso di rimbalzo alto può infatti voler dire che il contenuto delle tue email, che viene considerato spam dalle caselle dei destinatari, è di basso valore e che va quindi penalizzato. Fai attenzione e cerca di mantenerlo sempre il più basso possibile!

Come calcolarle questo KPI?
(Numero di email “ritornate” / Numero di email inviate) * 100

Unsubscribe Rate

Il tasso di disiscrizione non è altro che la percentuale di utenti che non intende più ricevere comunicazioni email da parte tua (ricorda sempre di includere l’apposito link per disiscriversi all’interno dei tuoi messaggi!). Sebbene non esistano valori medi per questo KPI, è importante che questo numero sia sempre inferiore al numero di nuovi utenti che si iscrivono alla tua lista email. Se il tuo tasso di disiscrizione è particolarmente alto, significa che stai inviando ai tuoi utenti dei contenuti che non sono di loro interesse. Prova a rivedere l’offerta, la tipologia o la frequenza dei tuoi messaggi.

Come calcolarle questo KPI?
(Utenti disiscritti / Numero di email consegnate) * 100

Aperture per dispositivo

Quale dispositivo e quale sistema operativo è maggiormente utilizzato dai tuoi contatti per ricevere e consultare le tue email? Sapere se gli utenti aprono i tuoi messaggi da desktop, smartphone o tablet è un’informazione di grande valore che ti consente di costruire email perfettamente ottimizzate.

Ad esempio, sapendo che la maggior parte degli utenti leggerà i tuoi messaggi dallo smartphone, fornisce indicazioni specifiche sulla progettazione del design delle tue email e sulla necessità di ottimizzarla per un display con determinate caratteristiche.

Come calcolarle questo KPI?
Solitamente questa informazione viene fornita direttamente dal software di email marketing che utilizzi per gestire le tue campagne.

KPI di Email Marketing Off-Mail

Ecco invece quali sono i principali KPI di Email Marketing Off-Mail:

Conversion Rate

Ogni singola email presente all’interno della tua strategia di email marketing ha (o dovrebbe avere) un chiaro obiettivo che corrisponde all’azione che vorresti che gli utenti eseguissero. Alcuni esempi di obiettivi possono essere: effettuare un acquisto, leggere un articolo sul blog, compilare un form, richiedere un preventivo, registrarsi per un webinar, ecc.

Il tasso di conversione è la metrica che misura l’efficacia del tuo messaggio in relazione al tuo obiettivo.

È importante monitorare frequentemente e con cura questa metrica sia a livello generale che per tipologia di campagna o singolo messaggio in modo da valutare l’efficacia dei contenuti e delle tue CTA in relazione ai tuoi obiettivi.

Come calcolarle questo KPI?
(Numero di utenti che hanno completato l’azione / Numero di email consegnate) * 100

N.B. Ovviamente, per poter controllare quanti utenti hanno completato un’azione di conversione, è necessario prima configurare correttamente degli obbiettivi personalizzati su Google Analytics.

Ritorno sull’investimento (ROI)

So di averlo già ripetuto fin troppe volte, ma ti ricordo che l’email è il canale che, statistiche alla mano, vanta il ROI medio più alto in assoluto. Il ritorno sull’investimento è quindi una delle metriche chiave da monitorare poiché misura con precisione il rapporto costo-efficacia delle tue campagne di email marketing (ovvero quanto guadagni in confronto ai costi che hai sostenuto per svilupparle).

Questo KPI può essere calcolato sia sulla singola campagna che su tutte le azioni effettuate in un determinato.

Come calcolarle questo KPI?
[(Valore delle vendite generate da una campagna – Costi della campagna) / Costi della campagna] * 100

Cosa devi considerare come “Costi della campagna?
Generalmente, è sufficiente considerare il costo della piattaforma di email marketing che utilizzi ed una stima economica del tempo che hai dedicato alla costruzione dei messaggi che hai inviato agli utenti.

Ricordati di monitorare costantemente questi KPI e di cercare di ottimizzarli agendo direttamente sugli elementi che li influenzano. Fai dei test sul tuo database, verifica che i contatti email che possiedi siano sempre aggiornati (ed autorizzati), scrivi oggetti più accattivanti, rivedi il design delle tue email e così via.

Come ti dicevo, uno dei più grandi vantaggi dell’email marketing è che tutto è tracciabile e misurabile e, si sa, i numeri non mentono mai.

Conclusione

L’email marketing è fondamentale per ottenere il massimo dalla tua strategia di vendita.

Una volta creato un database di email di utenti profilati infatti diventa un canale promozionale con cui comunicare ai tuoi potenziali clienti a costo zero.

Inoltre, costruendo una relazione duratura con i tuoi contatti, riuscirai ad aumentare il numero di persone che deciderà di acquistare il tuo prodotto o servizio, aumentando i tuoi tassi di conversione e diminuendo il costo di acquisizione cliente.

Se sei interessato a collaborare con noi e ricevere una consulenza gratuita per la tua strategia di email marketing, contattaci utilizzando il pulsante qui sotto.

CONTATTACI

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Edoardo Pennacchia

Edoardo Pennacchia

Innamorato del web quasi quanto dei motori. Sono specializzato in analisi del target, produzione di contenuti per gli utenti e per i motori di ricerca e Lead Nurturing.